Festa di San Giorgio

La Festa di San Giorgio, il patrono del paese, si svolge ormai da secoli il 23 aprile nella giornata dedicata al celebre santo soldato venuto dalla Cappadocia.

A Bitti la festa è organizzata da un comitato composto dai giovani che in quell’anno compiono 25 anni. Nei mesi precedenti, a partire dalla fine dell’altra festa principale – ovvero quella del Miracolo – questi giovani iniziano a programmare un ricco calendario di eventi e iniziative attraverso le quali verrà finanziata la festa per il paese.

I festeggiamenti sono divisi tra sacro e profano e raccolgono sempre grande partecipazione. Il momento cruciale è quello della processione del 23 aprile a cui partecipano tanti battezzi che indossano il costume del paese e negli anni a seconda delle possibilità del Comitato organizzatore, vengono invitati anche costumi da altri paesi. La festa dura 3 o 4 giorni e inizia con la grande cena comunitaria di “Sambenes e cordas”, sanguinaccio e la cordula, fatte grazie alle donazioni dei fedeli. Un immancabile appuntamento per gli amanti delle eccellenze gastronomiche barbaricine. La prima serata è anche quella preferita da chi ama i balli sardi e ha di solito come protagonista uno dei grandi fisarmonicisti isolani. La sera del 23 aprile, dopo la processione, si svolge in piazza la serata folk, mentre quella del 24 è dedicata alla musica contemporanea; ogni anno il comitato in base al gusti dei suoi membri invita un cantante o una band più o meno famosa sul panorama nazionale a calcare il palco in piazza Asproni.

L’ultima sera, il 25 aprile, è dedicata all’estrazione della lotteria e ancora al divertimento e allo stare insieme.

La festa del patrono è un appuntamento da non perdere!

Da sapere

  • Chiesa di San Giorgio Martire, Piazza Asproni e Corso Vittorio Veneto
  • Il programma viene diffuso ogni anno dal Comitato organizzatore