In viaggio per imparare, tra artigianato e sapori

Pubblicato da Visit Bitti / March 18, 2016 / , , , / 0 Commenti

Prendersi una vacanza non significa solo riposarsi ma regalarsi l’occasione per imparare a fare qualcosa. Se siete tra coloro che si amano tanto da volersi mettere in viaggio per imparare, Bitti è la destinazione ideale.

In viaggio per imparare

tornio ceramiche terrapintada bitti

Robert Carzedda di Terrapintada al lavoro nel suo laboratorio

Siamo abituati a comprare le cose già pronte e spesso non siamo neanche in grado di immaginare la storia, la magia e la maestria che si celano dietro un oggetto di artigianato.

Una magia che si svela a Bitti nel magnifico laboratorio di ceramiche artistiche di Terrapintada. Qui la terra assume le forme e i colori più brillanti, diventando oggetto di design – a volte – complemento d’arredo – altre – amuleto custode di un’identità antica.

E che dire degli oggetti dell’artigianato povero che incontrerete nei viottoli, scorgendoli da una porta socchiusa, quando il vento alza le tende e le finestre per il caldo sono aperte. I piccoli caratteristici sgabelli di ferola, sono fatti ancora con pochi semplici gesti dai pastori, che con velocità e maestria modellano questi leggeri e resistenti rami.

Saper fare… custodire e tramandare l’identità di un paese

telaio museo contadino pastorale bitti nuoro barbagia sardegna

Telaio custodito al Museo della Civiltà contadina e pastorale di Bitti

Avventurandovi per le assolate vie del paese, incontrerete donne che ricamano gli antichi ed eleganti costumi tradizionali e quelle che lavorano l’uncinetto. Ammirate questi tesori durante la vostra visita al Museo della civiltà pastorale e contadina e a quello Multimediale del Canto a Tenore e imparate dalla Cooperativa Istelai come si valorizza un patrimonio millenario. Da qualche parte, un odore inebriante di mosto vi farà girare verso una piccola porticina e l’incanto di una cantina. Siate curiosi; chiedete al vostro affittacamere, alla guida, al pizzettaro, al vecchietto che seduto sull’uscio ricorda e racconta.

Saper fare.. i vini, i piatti e i formaggi

Sarete accompagnati nel vostro cammino da profumi succulenti; approfittatene negli agriturismi, nei ristoranti e nelle trattorie per fare una cooking class e portare a casa un ricordo e una ricchezza: un saper fare. All’ Hotel Ristorante Su Lithu, tra le altre cose potrete visitare il vigneto di famiglia e apprendere l’arte del vino. Se invece sognate di stupire i vostri amici a casa  preparando le paste tradizionali o il tipico pane carasatu, avete l’imbarazzo della scelta. Tra gli altri, gli agriturismi di Ertila e Dogolai vi guideranno in indimenticabili cooking class. Alla trattoria Sos Chercos non perdete l’occasione di scoprire come preparare profumate ricette a base di carne e liquori dal sapore unico. Per imparare a fare il formaggio e i mille altri derivati del latte seguite una delle attività organizzate dall’agriturismo-fattoria didattica Calavrina.

pasta fresca

Pasta fresca preparata durante una cooking class all’hotel Ristorante Su Lithu

Saper fare… raccontare il proprio territorio

Fatevi guidare da Sa Domo de Diosa alla scoperta delle chiesette più belle del centro storico e fatevi raccontare dall’affittacamere Sa Zodia le storie dei gioielli antichi della Sardegna e di nuove interessanti contaminazioni che vedono la tradizione diventare design. Se alloggiate al B&B Tepilora invece, non perdete l’occasione di imparare le storie del dedalo di viuzze che lo circondano. Imparate al B&B Notte al Museo a vivere come un affascinante uomo di cultura dell’800 e fatevi guidare alla scoperta delle montagne nei dintorni del paese.

Nessun limite di peso per il bagaglio del saper fare

L’esperienza di vivere la Sardegna più vera a contatto con le tradizioni e l’ospitalità più genuina resterà il souvenir più originale e prezioso che porterete a casa con il vantaggio che non dovrete pagare per i Kg in eccesso in valigia.

O forse si?