Weekend di relax e curiosità a Bitti e dintorni

Pubblicato da Visit Bitti / November 27, 2015 / , , / 0 Commenti

La Sardegna non solo un’isola di spiagge ma, al contrario, conserva nel suo cuore tantissima natura da esplorare e siti culturali di grande valore che una volta visitati offrono al viaggiatore un punto di vista diverso. Non mancano numerosi borghi storici e piccoli paesi dove ancora la vita quotidiana è legata alla terra e ai suoi prodotti naturali.

Bitti è uno di quei luoghi della Sardegna dove natura, cultura e tradizioni vengono meglio conservate e dove è possibile conoscerle anche se il viaggio dura più o meno un weekend. Indipendentemente dal periodo dell’anno in cui si pianifica la visita a questo piccolo paese a nord di Nuoro ci sono differenti opportunità per rimanere sbalorditi dalla Sardegna autentica che si respira a Bitti.

Primo giorno, passeggiate panoramiche in totale relax

vista panoramica bitti passeggiate pinete chiese campestri relax paese weekend

Panoramica di Bitti dal sentiero che porta alla Chiesa di Sant’Elia

In pochi luoghi della Sardegna la natura è così a portata di mano della vita di tutti i giorni come a Bitti. Il paese è situato in una vallata circondata da colline ricche di pinete e chiese campestri. Proprio andando alla scoperta di alcune di queste potrete assaporare davvero il valore del relax vissuto nel cuore della Sardegna. Dominano il paese dall’alto tre piccole chiese campestri raggiungibili passeggiando lungo i sentieri segnati all’interno delle rigogliose pinete. Camminare nella natura è una delle cose più rilassanti da fare in vacanza, meglio ancora se queste passeggiate terminano in punti panoramici da dove si può dominare con un unico sguardo un paesaggio mozzafiato custode di 3000 anni di storia e di una natura ancora intatta. Punti panoramici, tra l’altro, perfetti per gli appassionati di fotografia o anche solo per scattarsi un selfie memorabile con lo sfondo di un borgo sardo autentico e, magari, del Montalbo che sovrasta tutta la zona imperioso e fiero come ogni elemento naturale della Barbagia.

Secondo giorno, vicoli e cultura a portata di mano

ingresso musei di Bitti

Ingresso musei di Bitti

Il centro di Bitti è costituito da un dedalo di vicoli e vicoletti che portano in visitatore immediatamente in una dimensione lontana dal frastuono quotidiano delle grandi città. Passeggiando senza una meta, ma semplicemente lasciandosi trasportare dalla curiosità, si incontrano uomini e donne che con cordialità e ospitalità non negano mai un saluto e un sorriso e, all’occorrenza anche tante informazioni utili. Tra i vicoli del centro storico ci si imbatte facilmente in un gran numero di piccole chiese storiche. Alcune accessibili, altre chiuse ma tutte rimandano immediatamente al fascino di una spiritualità che probabilmente va anche oltre la religione e che è insita nelle più antiche tradizioni bittesi.

Inoltre, è proprio tra i vicoli di Monte Mannu, alle spalle dell’importante Chiesa di San Giorgio, che è possibile visitare due musei che custodiscono la storia e le eccellenze di Bitti. Fatevi guidare alla scoperta degli strumenti e delle usanze contadine della storia bittese e poi immergetevi in un’esperienza sensoriale all’interno del Museo multimediale dedicato al Canto a Tenore, Patrimonio intangibile dell’umanità riconosciuto dall’UNESCO. Proprio di fianco ai due musei si trova un piccolo arco bianco perfetto per una indimenticabile foto romantica con il proprio partner. Proprio qui potrete ammirare un albero di Pompia, agrume tipico di questa zona di Sardegna dal quale si ricavano dolci e liquori della tradizione popolare locale.

Per finire questa seconda giornata di immersione nella vita e nei profumi di Bitti non può mancare una birretta in uno dei numerosi bar che ornano il Corso Vittorio Veneto che sapranno accogliere i visitatori con cortesia.

Terzo giorno, in visita ai paesi e ai borghi vicini

chiesa romanica di San Pietro Onanì

Chiesa romanica di San Pietro ad Onanì

Bitti è circondata da paesi interessanti che meritano una visita. Tre giorni per vivere appieno questo paese circondato dalla Sardegna più autentica non possono bastare, ma con l’aiuto di un’automobile è possibile abbattere un po’ i tempi di percorrenza e uscire anche fuori Bitti e visitare qualcosa nei dintorni. Consigliatissima è una visita al sito archeologico di Romanzesu ma se avete voglia di andare alla scoperta di paesi e borghi della zona l’imbarazzo della scelta non manca.

Onanì è un piccolo paese che dista circa 6 chilometri da Bitti e ci vivono poco più di quattrocento persone. Il borgo per quanto piccolo custodisce un fascino tutto suo grazie ai numerosi murales artistici e alle chiese di assoluto valore storico come la chiesa di San Pietro e quella di Santa Maria. Ma Onanì vale da se la passeggiata perché un paese così piccolo ma ancora vitale con tante graziosissime piazze non è facile incontrarlo in altre regioni d’Italia o all’estero. In più offre numerosi punti caratteristi e silenziosi anche per chi ama raccogliersi in una buona lettura all’aria aperta, nella pittura e nella fotografia.

Da Onanì in pochi minuti di automobile si raggiunge Lula, il paese situato proprio ai piedi del massiccio calcareo del Montalbo da dove partono numerosi sentieri naturalistici ed escursionistici. Lula è noto anche per le sue miniere che sono parte integrante del Parco Geominerario della Sardegna. Assolutamente da non perdere è una visita al sito delle Miniere di Sos Enattos che raccontano ai visitatori che si avventurano a Bitti nel centro Sardegna una storia mineraria ancora molto recente (queste sono state le ultime a terminare l’estrazione metallifera nella provincia di Nuoro) e tutta da scoprire.

Porta con te i sapori del cuore della Sardegna

Durante la visita di relax a Bitti e ai suoi paesi vicini è d’obbligo assaporare i tanti, tantissimi, sapori tipici in uno dei tanti ristoranti e agriturismi in paese e nelle campagne circostanti. Gustare i sapori genuini del cuore della Sardegna trasformerà un bel weekend di relax in una vacanza indimenticabile da raccontare non appena tornati a casa, magari portando con se dei gustosi souvenir da condividere con amici e parenti.